logo-print

Home Sapere tutto su Saint-Tropez Saint-Tropez e la Cultura Johnny Hallyday - Ritorno sull'esposizione 2019-2020 a Saint-Tropez

Johnny Hallyday - Ritorno sull'esposizione 2019-2020 a Saint-Tropez

09/09/2020

L’esposizione Johnny Hallyday a Saint- Tropez si è svolta presso il Musée de la Gendarmerie et du Cinéma tra il 2019 ed il  2020 per la felicità dei fan dell'artista.


L’idolo di gioventù di un' intera generazione, scopre Saint-Tropez negli anni 60. Lo troviamo tra la sabbia di Pampelonne e nei ristoranti alla moda, inseparabile da Sylvie e dalla sua banda, Sacha Distel, Eddie Barclay, Eddy Mitchell e gli altri… Com'era pronosticabile, il capo degli « Yéyés » si innamora della penisola durante una passeggiata, promettendosi di possedere un giorno una casa di vacanza da quelle parti. Nel 1989, ormai proprietario della Lorada, affida agli architerri Roland e Alain Morisse la realizzazione del suo sogno. E' nel cuore di questa casa tipica messicana circondata da un parco di due ettari, che il rocker ama riposarsi dopo le grandi serate festive a casa di Eddie Barclay o dopo i suoi show improvvisati all' Hysteria o al club Octave. Il 9 luglio 1990, al comune di Ramatuelle; Johnny sposa Adeline Blondieau e la coppia finirà regolarmente sulle copertine della rivista Match che essi siano in Costa Azzurra o a Parigi.

 

Tre tematiche

Alla fine della visita dell'esposizione, divisa in tre tematiche originali « Johnny a La Lorada, Johnny e le feste, Johnny il biker », avrete scoperto l'intimità della star attraverso una collezione di foto, la sua moto, degli oggetti inediti tra cui i guanti da boxe prestati dal suo ex coach Laurent Petit, degli estratti dell'emissione di Radio Saint-Tropez registrati sulla place des Lices ed anche una scultura ad altezza naturale dell'artista… Per un salto nel tempo all'epoca delle Harley, delle feste, dei santiag e delle giacche di pelle del decennio Johnny 1990/2000. Il tutto al ritmo di una playlist composta dai brani del cantante.


I fan potranno acquistare il libro « Johnny les années Saint-Tropez » scritto da Daniel Angeli, fotografo ed amico di Johnny.

« Johnny Hallyday à Saint-Tropez »
2019-2020
Musée de la Gendarmerie et du Cinéma de Saint-Tropez,
2 place Blanqui.

 

 

 

 

Un idolo

L’idolo dei giovani di una intera generazione. Negli anni 60, affaticato dalla Dolce Vita, si riposa sulla sabbia della plage de Tahiti e festeggia nei ristoranti e club alla moda con la sua cara e dolce Sylvie ed i suoi amici Sacha Distel, Eddy Barclay, Eddy Mitchell, ecc… E' il momento degli yéyés che si innamorano della penisola promettendosi di acquistare un giorno qui la loro casa sublime. Nel 1989, gli architetti Roland e Alain Morisse realizzano il suo sogno disegnando la Lorada, magnifica villa a Ramatuelle. E' nel cuore di questa casa stile messicano di 700 m2, circondata da un parco di due ettari, che il rockeur ama riposarsi dopo le sue serate pazze nei club di Saint-Tropez, le sue serate bianche da Eddie Barclay o i suoi show improvvisati all' Hystéria o all' Octave. Il 9 luglio 1990 Johnny sposa Adeline Blondieau al comune di Ramatuelle. La coppia famosa finisce sulle copertine di Match, in Harley o a Saint-Tropez, ma anche sulla croisette al Festival de Cannes...

© Photos : Julien Sarkissian - © F. Chavaroche - © Jean-Louis Chaix

Daniel Angeli

Smette di cercare gli scoop nel 1996, data del suo incontro con Johnny e lo segue per 17 anni in tutti gli angoli del mondo, ma il re dei paparazzi non ha ancora smesso di far parlare.


Il suo ultimo colpo da maestro è una edizione speciale chiamata « Johnny Les Années Saint-Tropez » che ha fatto la gioia assoluta dei fan all'inaugurazione dell'esposizione dedicata al cantante presso il Musée de la Gendarmerie et du Cinéma di Saint-Tropez, dove il libro viene messo in vendita. Numero uno di una futura collezione, questa opera appare il 15 giugno, per celebrarne il compleanno e l'anno della morte di Johnny. Risponde ad una forte domanda dei fan-club del cantante, molto attivi nel territorio a giudicare dai raduni organizzati da tutta la Francia per l'occasione. Forte di un database unico al mondo, circa 55 milioni di immagini e video editi al tempo della sua collaborazione con l'artista, Daniel Angeli ha tutte le credenziali per diventre padrino del dinamico fan club di Aix « Voyage au Pays de Johnny », un' associazione che riunisce 7000 membri.

 

 

Per lunghi anni vicino all'artista, il fotografo è spesso chiamato  in causa quando si tratta di rendere omaggio all'artista preferito dei francesi. Ed è stata un' altra brillante idea quella di riunire momenti, rari, personali ed intimi, ricordi di momenti felici, in un'opera formato maxi, realizzata con passione e rispetto in "1943", il famoso libro numerato diventato oggetto da collezione. Esiste anche la versione super lusso con flight case dedicato, già ribattezzato Libro Budda per la sua eccezionale consistenza. Questo oggetto del desiderio, 29kg d'archivio e 466 pagine puo' essere considerata un'opera d'arte a se stante, destinata ai collezionisti ed alle poche gallerie d'arte dove viene esposta e venduta


"Per garantirne la loro rarità, le targhe di fabbricazione sono state deliberatamente distrutte" specifica Charlotte, una dei 4 figli di Daniel Angeli, responsabile della gestione della casa editrice Eternity e della Fondazione Angeli, che riunisce i diritti e tutta la carriera del più talentuoso cacciatore d'immagini del 900 che è stato tra l'altro, fotografo ufficiale del Festival di Cannes per un quarto di secolo.

Facebook

Twitter

Instagram

Map

Galleria foto

Video Library

By continuing your navigation, you accept the use of third-party services that may install cookies Personnaliser