logo-print

Home Sapere tutto su Saint-Tropez Saint-Tropez e lo sviluppo sostenibile Gli attori del nuovo Mondo

Gli attori del nuovo Mondo

12/09/2019 (archive)

 

Su iniziativa di Pierre Rabhi, che ha inaugurato questa primavera la mostra "Il futuro delle nostre radici", in collaborazione con le città di Saint-Tropez e Grimaud, molte personalità locali si sono impegnate ad essere "attori del cambiamento in una vera convergenza di coscienze". "Quello di vivere meglio.

"Non dire sviluppo sostenibile. O ambiente. Queste due espressioni molto alla moda non sono appropriate. L'uomo non è il centro del pianeta o il suo decisore. È solo una piccola parte della natura. Per me l'espressione sviluppo sostenibile significa prolungare l'agonia del sistema. Dobbiamo parlare del rispetto dell'equilibrio della natura. L'interpretazione di Sylvain Tesson* della nozione di sviluppo sostenibile è magnifica. La sostenibilità è accettabile se consideriamo che usciremo dal compromesso. "
Patrice de Colmont

 

L’AGROECOLOGIA NEL CUORE

Patrice de Colmont                                                                                     Il rispetto della terra nutrice e dei suoi abitanti è la filosofia di vita di Patrice de Colmont, il carismatico proprietario di Club 55, Domaine des Bouis e Château de la Mole. "Per me, il rispetto della terra è qualcosa di viscerale", spiega l'uomo che è stato educato nei valori umanisti trasmessi da suo padre Bernard, grande viaggiatore ed etnologo, fondatore del Club degli esploratori con Paul-Emile Victor. È il cemento del Club 55, attore principale della leggenda tropeziana da più di mezzo secolo e precursore nella protezione della natura.


GREEN ATTITUDE

Sotto l'impulso del piano di sviluppo della spiaggia di Pampelonne, Patrice de Colmont ha moltiplicato in questa stagione le misure concrete per valorizzare il suo stabilimento nel cuore del sito classificato come spazio naturale notevole. Sotto la direzione di Séverine Romedenne, architetto di DPLG nel cuore del Laboratorio di Architettura Ecologica di La Ligne (che ha in particolare firmato il contratto per la costruzione dell'Hameau des Buis di Pierre Rabhi), le infrastrutture della spiaggia sono state portate sul posto tramite cavalli della fattoria Vallon des Bouis e del Château de la Mole, Le terrazze del ristorante e la zona della spiaggia, dove eleganti aree di raccolta differenziata invitano i clienti a riciclare e offrono loro una zona sperimentale per non fumatori, sono realizzate con materiali riciclati, come il legno di castagno piemontese, che valorizza le terrazze del ristorante e la spiaggia.

Dotato di sistemi di raccolta dell'acqua piovana, il Club 55 produce anche la propria energia rinnovabile. I menu stagionali mediterranei del ristorante e dello snack bar hanno sempre promosso i prodotti locali e naturali, compresi quelli delle proprie fattorie, sviluppando anche l'offerta di prodotti biologici e/o senza proteine animali.

*  Sviluppo sostenibile: chiede al pianeta di sostenerci" ... riassume l'autore e viaggiatore che ha vinto il Prix Médicis per il suo saggio autobiografico intitolato "Nelle foreste della Siberia" di Sylvain Tesson.

Patrice de Colmont, proprietario della tenuta Bouis che domina tutta Pampelonne - © B. Courcot


PER UN'AGRICULTURA NATURALE DI PROSSIMITA'

YANN MÉNARD                                                                                         Figlio di una coppia di viticoltori della Mole, Yann Ménard, 39 anni, coltiva con passione Le Jardin de la Piboule (pioppo in provenzale) dal 2011. Più di 200 varietà stagionali, verdure, erbe aromatiche e alcuni frutti crescono naturalmente nella sua fattoria nella pianura di Cogolinoise, vicino al incrocio di Foux. "Forniamo al suolo una dieta diversificata, a base di letame di cavallo per nutrire i batteri, un po' di legno frantumato per i funghi, letame verde a base di legumi...


Tutti questi approcci permettono di aumentare i livelli di materia organica e di rimettere in moto il ciclo virtuoso della vita. Applichiamo o sperimentiamo gli aspetti di ciascuna di queste forme alternative di agricoltura - agroecologia, permacultura, agricoltura organica o biodinamica - che sentiamo più adatti al nostro giardino, alla nostra sensibilità e ai nostri mezzi tecnici. Non mi piacciono le etichette, ecco perché non apparteniamo a nessuna etichetta. Più della metà dei dieci ettari sono lasciati in foresta e prato, inoltre ogni 20 metri, seminiamo file di fiori parallele alle file di verdure, permettono agli insetti impollinatori di trovare cibo nei momenti in cui ci sono meno fiori selvatici, aumentano la produttività delle nostre colture, abbelliscono il paesaggio e nutrono la nostra anima". I prodotti di Yann sono acclamati dai più grandi chef del Golfo di Saint-Tropez tra cui Arnaud Donckele (ristorante La Vague d'Or, tripla stella Michelin, Hotel Cheval Blanc Saint-Tropez). Potete trovare i prodotti di Yann nel suo punto vendita al Jardin de la Piboule, situato sulla strada RD 61, tra la rotonda di Font Mourier e il ponte Giscle, verso Grimaud. Il luogo accoglie anche l'A.M.A.P. (Association pour le Maintien de l'Agriculture Paysanne) il martedì e il venerdì sera dalle 18.30 alle 19.30.                                                                                                                                                  Il Jardin de la Piboule ha aperto il suo primo negozio Passage Raimu a Cogolin questa stagione (aperto la mattina da martedì a sabato) e ha uno stand al mercato di Plan de la Tour da aprile a ottobre ogni giovedì.


Informazioni : www.lejardindelapiboule.com

IL PANETTIERE BIO DEL GOLFO

CHARLY LOISEL                                                                                           "Non è mai troppo tardi per mangiare bene! "Mio nonno era un agricoltore e mio zio un allevatore di vitelli, ma erano dalla parte sbagliata, quella dei pesticidi e dell'agricoltura industriale... Io e mio cugino abbiamo preso il lato opposto di questo modello familiare, lui è diventato un produttore di latte da allevamenti selezionati e io un panettiere artigianale biologico", spiega questo padre di famiglia di  40enne. Dopo aver lavorato per molti anni in una panetteria tradizionale nella città di La Mole, Charly ha deciso, per convinzione e passione, di aprire la prima panetteria 100% biologica nel Golfo di Saint-Tropez. Sulla place des artisans, a Port-Grimaud, sforna tutto l'anno pani speciali, pani integrali, rustici, di farro, di segale e di cereali, oltre a deliziosi dolci.


La Boulangerie de Port-Grimaud. 7 rue des Artisans. T. 06 08 49 81 43

LE UOVA BIO DI SÉBASTIEN MAUNIER

Nel cuore della fattoria Gaec des Oliviers a Cogolin, vicino al Domaine Saint-Marc, Sébastien Maunier alleva, nella fattoria di famiglia, 700 galline francesi dalle piume rosse, alimentate esclusivamente con cereali biologici.


La produzione, circa 550 uova al giorno, è venduta a ristoratori esigenti nel Golfo di Saint-Tropez, al negozio Biogolfe di Cogolin e a privati nei mercati di Cogolin e Plan de la Tour..


Informazioni : 06 62 21 00 85

 

SEMI GERMINATI E
I GERMOGLI VERDI DI SYLVIE E BERTRAND

Motivati dalla sfida di "produrre alimenti sani e rispettosi dell'ambiente", Sylvie Poiron, proveniente dal mondo della fitoterapia e Bertrand Gindraud dal mondo del commercio, hanno unito i loro talenti per creare Green Pousses, un'azienda basata sulla produzione di semi germogliati (lenticchie, ravanello nero, soia...) e micro germogli (basilico, crescione, rucola, cavolo rosso, broccoli, coriandolo, ravanello...). Le colture artigianali e biologiche fioriscono nel suolo delle pianure della Mole e di Cogolin prima di colorare i piatti dei ristoranti dei più prestigiosi stabilimenti del Golfo: Le Château de la Messardière, Le Byblos, La Réserve, Le Sezz, Tahiti, Le Club Les Palmiers, Indie Beach House.... ma anche per essere venduti sulle bancarelle dei negozi Jardin de la Piboule, Halle de Grimaud o Biogolfe. Croccanti, leggeri e sani, questi germogli verdi sono diventati i protagonisti dei piatti sani. Il loro apporto di minerali, vitamine, proteine, enzimi, acidi grassi essenziali e aminoacidi è assolutamente fantastico!


www.greenpousses.com

CEREALI ECCEZIONALI
DI BERNADETTE E ALEXANDRE

Da più di 20 anni Bernadette Combette e Alexandre Séné girano la Francia e il mondo per selezionare contadini, piccoli artigiani e raccoglitori di cereali prodotti in agricoltura biologica, permacultura o raccolta selvatica. Questi semi, legumi, farine, semi oleosi, frutta secca e bacche "derivati da antiche varietà non ibridate e prodotti con il massimo rispetto per la vita della terra" sono stati acclamati dai più grandi chef e stabilimenti, tra cui Arnaud Donckele per Cheval Blanc Saint-Tropez, Rocco Seminara per il Byblos, Vincent Maillard per il Mughetto (La Croix Valmer), ma anche Alain Ducasse e molti altri. "Siamo alla ricerca dell'eccellenza al servizio di una migliore nutrizione. È in corso una nuova rivoluzione, un nuovo stile di vita, più creativo, più rispettoso, più vicino alla nostra natura, preservando la salute, gli ecosistemi, portando gusto, piacere, glamour...".


Informazioni : Bernadette Combette 06 50 82 69 25 bernadette.combette@gmail.com Alexandre Séné 06 32 11 97 27 alexandre.loukasas@gmail.com

 

LA VITA IN MODO DIVERSO AL SALONE BIO DI GRIMAUD

È agli energici membri dell'associazione Bio-Logiques, presieduta da Mary Burbaud, che si deve la creazione e lo sviluppo di questa mostra, diventata ormai un must. Da 18 anni, ogni primavera, gli attori dell'ecologia di oggi e di domani si danno appuntamento al complesso Blaquières di Grimaud intorno a un programma che prevede un centinaio di espositori, conferenze di qualità (quelle del professor Joyeux e di Sophie Rabhi passeranno alla storia...), laboratori tematici di permacultura, naturopatia, erboristeria, cucito, riciclaggio, e bellissimi incontri con gli attori della transizione ecologica ed energetica mobilitati per vedere "La vita diversamente". "Quest'anno l'associazione ha inaugurato il Transition Village, la creazione del Repair Café du Golfe e la webzine, una directory di buone iniziative locali.


Tutti questi uomini e donne impegnati sono in linea con la filosofia del Movimento per la Terra e l'Umanesimo di Pierre Rabhi, che è quello di "ispirare e promuovere, a livello locale, nuovi modi di vita che mettano l'uomo e la natura al centro delle priorità della società".

Da leggere anche : Destination Veg'

Facebook

Twitter

Instagram

Map

Galleria foto

Video Library

By continuing your navigation, you accept the use of third-party services that may install cookies Personnaliser